Select Page

Finalmente oggi piove questa volta l autunno si era prolungato fino quasi alla fine dell inverno
e anche i piu disinteressati attendevano con trepidazione
il riequilibrio
stagionale climatico
gli avvenimenti sono scesi giu’ a livello ‘inconscio’ luogo nn luogo in cui nessuno può intervenire per far mutare idea
nemmeno le TV i giornali o gli esperti di turno (uccelli del malaugurio istituzionale)
l inconscio collettivo e’ immune dalle manipolazioni
perchè contenitore spichico universale e per spegnerlo bisognerebbe spegnere l individuo stesso

l uomo percepisce come senso di colpa questo cambiamento climatico
perché e’ di colpa che si tratta e nessuno può onestamente chiamarsi fuori

il simbolo stesso dello scorrere delle stagioni è il simbolo circolare dello scorrere della vita sul pianeta terra
nelle diverse culture qui
qui
qui
l uomo nn potrebbe accettare cosi senza colpo ferire un disastro del genere
una natura stravolta nel suo meccanismo delicatissimo della sua struttura vitale di nascita e morte

e nn saranno due libri o la parola di un esperto ad ingannare l inconscio
perché
i campi sono in piena attività ma adesso siamo in gennaio nn in primavera
quest immagini e notizie hanno sconvolto e in modo profondo le persone
forse l’ Europa inizia a comprendere il disastro ambientale ?
l uragano del centro Europa di questi gg ha impresso delle sensazioni fortissime

pioggia Genova 23 01 2007

come quando dopo un indegestione subentra il senso di pienezza di colpa
insieme alla promessa di nn esagerare più
cosi
le persone piano piano stanno prendono coscienza di quanto il consumo per il consumo influisca ormai nella distruzione terrestre ?
allora la prima idea
è consumare meno ?

pioggia Genova 23 01 2007

queste foto sono la cronaca di una città addormentata priva di vita come ormai da molto tempo
sono le città occednetali concentrate nn sulla vita ma sui listini di borsa
sull immigrazione
l umanità deve sobbarcarsi problemi incredibili per sorreggere i progetti di un gruppo di investitori
anzi diventano loro le pedine di un gioco sporco perche viene chiesto a loro di partecipare attivamente
alla distruzione inconscia della terra

e cosi
con la forza (guerre) popoli sono sdradicati in pochi anni da un luogo ad un altro
come un pacchetto un oggetto la ‘reificazione’ della vita in oggetto in cosa utile al progetto finale e basta poi si puo cestinare
con sorrisi di idioti che stanno urlando dell ultima novita discografica o tecnica con riflettori puntati
e il mondo che si fotta parola di cretini perche quando precipiterà tutto cadranno giù anche loro
con o senza musica

la colpa poi ricade
delle nazioni ospitanti e dei loro popoli che nn comprendono nn capiscono sono ignoranti
parola di altri cretini investiti da un giorno all altro a salvatori dell umanità
con tanto di stipendio pagano gli sfruttati del globo

nel popolo occidentale fino a ieri era stato inculcato il valore di nazione di patria e perchè no di razza ma oggi tutto cambia e ci si deve adeguare con la buone o le cattive
le nazioni del terzo mondo e interi continenti sono saccheggiati a ritmo stellare
con il gioco delle tre carte
loro danno le TV e la libertà sessuale ecc a nazioni che fino a ieri vivevano nella preistoria
ed in cambio siprendono tutto cio che la loro nazione contiene in risorse alla faccia del regalo
e alla fine ?
sono pieni di debiti con chi aveva regalato sesso Tv e svaghi
ma guarda un po
ecco da dove arriva quel senso di amore e solidarietà che molti sentono nei confronti di quell amato 3 mondo
ma parlare di consumi minori mai meglio la pancia piena e il senso di solidarietà presente


l Amazzonia scomparsa del tutto il Rio delle Amazzoni ridotto ad un ruscello sporco e tutto questo in meno di 50 anni
qui è l ONU che ne parla nn il giornalino dei noglobal

cosi la somma inconscia di questi dati restituisce per le vie delle città
la vera immagine del disastro
per strada anche dopo la pioggia nn si trova nessuno
negozi vuoti i proprietari angosciati
in questo mese di gennaio i negozi di alimentari quelli che stanno vicino al mio atelier
hanno avuto pochissimi client rispetto alla media solita

pioggia Genova 23 01 2007

pioggia Genova 23 01 2007

pioggia Genova 23 01 2007
poche persone entrano e gli acquisti sono oculati mirati e semplici
il lunedì e’ diventato per intero simile alla domenica
ma oggi che e’ martedì le cose nn sono cambiate i negozi erano quasi deserti
anche i supermercati
qualcosa e’ cambiato le persone sono stufe di consumare senza chiedersi
mai il perché ?

pioggia Genova 23 01 2007

pioggia Genova 23 01 2007

pioggia Genova 23 01 2007

l inutilità di avere le borse tra colme di cose quasi sempre inutili ?

questo lo sentito dire da tanti camminando in questi tempi
e poi
i cibi coltivati alla velocita della luce
in terreni (serre) ormai privi di qualsiasi nutrimento base
sono senza sali minerali poveri in vitamine
lo si puo riconoscere dal colore delle verdure le insalate sono sempre più pallide
o con colori mai visti prima per coprire l assenza di sali e vitamine

e’ da un po che noto questa tendenza dopo un natale sotto tono
ora siamo al rifiuto ?
nn esageriamo perché quello che e’ accaduto a New Orleans, Louisiana,
qui nn e’ ancora accaduto ma gli scienziati nn riescono a dire che qui nn accadrà’
anzi iniziano a dare per certo un grande cataclisma climatico le temperature del mare mediterraneo sono ormai su una media di 26 28 gradi c
le stesse che sviluppano cicloni nel golfo del Messico
quando tutto questo accadrà e l Europa potrà vedere con i suoi occhi una città spazzata via come un mazzo di carte
allora le cose cambieranno ?
forse si
la storia lo raccontera’ un giorno
che ci vollero cataclismi per far comprendere all umanita’ la sua spudorata ignoranza a presunzione

pioggia Genova 23 01 2007

e quel giorno sara’ veramente un giorno nuovo per tutti