Select Page

il blog a che cosa serve se la discussione e’ pericolosa all individuo ?

drumbeat.org

drumbeat.org

https://www.drumbeat.org/

Mario Gretel Candida Mauro

senza alcun timore

desiderano parlare

raccontare

“Whose world, or mine or theirs, or is it of none?”

il mondo a chi appartiene a me a loro o a nessuno ?

https://www.drumbeat.org/project/new-map-describes-landscape-islands-peninsula-continents

"Whose world, or mine or theirs, or is it of none?" il mondo a chi appartiene a me a loro o a nessuno ?

"Whose world, or mine or theirs, or is it of none?"

la ns speranza e’ quella di nn dover mai piu dire

ho paura di esprimermi

di pensare liberamente

per cio’ che ho espresso sono stato emarginato reso inutile incapace di poter vivere serenamente con chi mi sta attorno  mostrato

come il capro espiatorio l agnelo sacrificale

esiste la liberta’ di pensiero ?  e’ solo propaganda ?

la filosofia suggerisce  la liberta’ nn esiste  e’ un paradigma

quando si dice libero si dovrebbe sempre aggiungere  rispetto a cosa ?

Le tecniche repressive si  sono affinate dai lager fino ad oggi ?

quale sarebbe la differenza tra i campi di lavoro con le citta’ d oggi

la citta’ oggi nn e’ certo la citta’ di  ieri e questo la dice gia lunga

le citta’  oggi sono un forno dantesco un laboratorio umano alla sopravvivenza

tutti sono in corsa per superarsi  la sana competizione  e’ sotto gli occhi di quelli che sanno guardare

le citta nn sono piu formate dalla somma di famiglie o gruppi ecc

sono invece la somma di individui  abbandonati a se stessi disperati e ridotti a meri pagliacci

recuperando il significato delle parole

essere umano, famiglia, donna, uomo, bambino, anziano  e natura

in paragone all idea del singolo dell indivioduo d oggi  dobbiamo affermare che se e’ successo qualcosa nussuno ci ha informato prima

la distruzione silenziosa del tessuto della rete che formava le citta’ si e’ conclusa cosi come afferma pasolini

guarda il video su youtube

alla fine degli anni 60

questa rete e’ stata sostituita dal singolo lo splendido e audace novelllo ulisse  distruttore di citta’

l osannato singolo  della societa’ dei consumi

il tempo ci ha mostrato la fine di questi individui 40 anni dopo

sono divenuti minorati fisici e mentali  incapace di  percepire la loro condizione

prima mentre e dopo

i media tv radio ecc sostengono giornalmente la loro debacle privando alll individuo di percepire il suo declino fisico e psichico

per poi abbandonarlo nn appena i suoi servizi misteriosi

a causa di  misteriose leggi di mercato in poche parole nn e’ piu utile

il cliente e’ servito sotto l altro

nelle citta  ogni giorno e’ buono per feste baldorie e commemorazioni

cosi i funerali passano sempre in silenzio

una societa’ felice ?

festeggiare il nulla in preparazione del peggio

l individuo sta subendo in questi anni un aggressione senza precedenti

nei lager si imprigionavano e sopprimevano solo certi tipi  umani

oggi   nelle ns citta’?

la discriminante si riduce al ceto sociale  stop

cosa vecchia e poco reditizia l origine culturale/religiosa  o il colore della pelle

peccato che il 90 % della popolazione mondiale sia povera

peccato che 90 % di chi vive nell occ si percepisca ricco e felice

ma la realta’ ci mostra l esatto contrario

la vita media diminuisce

i media raccontano il contrario

cosi l eta pensionistica sale ai 75 anni

politica insieme ai media  a libro paga dei grandi Ceo

gestori temporanei anche loro del mondo

per me nulla di male penso sia giusto

la solo obbiezione

potrebbero circondarsi di quadri capaci ?

e rendere la vita piu reale e meno dolorosa ?

“Whose world, or mine or theirs, or is it of none?”

il mondo a chi appartiene a me a loro o a nessuno ?