Select Page

Dylan un video
”Series of Dreams”

Ha ragione Bob di inserirsi con Picasso Keruac Rimbaud e altri
tutti questi nella loro esistenza nn si sono accontentati dell apparenza che il mondo serviva
hanno pilotato se stessi nella corsa anche rabbiosa della ricerca del proprio sé
quello profondo quello che nn si conosce a patto di incontrarlo all inferno
ma il correre e voler vedere in viso le cose è
il significato stesso dell opera ‘Opus’
vita/ morte e/o ora /dopo
come qui / li
infondo l eternità nn è ubiquità nel tempo ?

se andiamo oltre le apparenze tanto care all ideologia borghese
chi siamo noi al fine ?
siamo esattamente cio che abbiamo lasciato costruito modificato
siamo il noi oggetto visibile e feticcio che un giorno un ‘altro’ si troverà a che fare

questo nn è poco
ma quanto dolore e sofferenza
è conoscere e sapere
che un giorno noi nn saremo piu
solo polvere

qualcosa di noi rimarrà nelle mani negli occhi nella mente di qualcuno
ma oggi per il momento
l umanità è ancora preistoria
l uomo una scimmia vestita

httpv://video.google.com/videoplay?docid=-5169071801903996044

qui il testo

I was thinking of a series of dreams
Where nothing comes up to the top
Everything stays down where it’s wounded
And comes to a permanent stop
Wasn’t thinking of anything specific
Like in a dream, when someone wakes up and screams
Nothing too very scientific
Just thinking of a series of dreams

Thinking of a series of dreams
Where the time and the tempo fly
And there’s no exit in any direction
‘Cept the one that you can’t see with your eyes
Wasn’t making any great connection
Wasn’t falling for any intricate scheme
Nothing that would pass inspection
Just thinking of a series of dreams

Dreams where the umbrella is folded
Into the path you are hurled
And the cards are no good that you’re holding
Unless they’re from another world

In one, numbers were burning
In another, I witnessed a crime
In one, I was running, and in another
All I seemed to be doing was climb
Wasn’t looking for any special assistance
Not going to any great extremes
I’d already gone the distance
Just thinking of a series of dreams