Select Page

pantani

cosi io ti ricordo

qui tu sei nel 98

ancora libero e puro

nn sapevi che erano quelli che piu ti erano vicino
sarebbero stati i tuoi boia

cosi candidi cosi da potersi indignare prontamente quando devono distruggere
qualcuno loro che vivono e amministrano un mondo cosi lordo quello dello sport che e’ uno dei tanti
racket tra i grandi e piccoli che insieme formano la struttura integrale della societa’
il collettivo dell-unita’ e dell armonia al completo

ora dove sei tu
finalmente potrai essere quello che desideri
nn un pirata ma un uomo

che si domanda
si chiede perche io scelto due volte
estratto due volte una volta esaltato una volta sacrificato

perche ?

qui sotto lo strumento
di tortura continua a lavorare
indisturbato
i ns giovano hanno da pensare ad altro
ai loro aperitivi ai loro sex pride
come se il sesso lo avessero inventato ieri
nn chiedono di essere felici
ma chiedono di essere ricchi e infelici
tanto rimarranno sfruttati e poveri
nn ti eri accorto che l ufficio preposto a distruggere quello che si crea era alla porta
accanto a quello nel quale tu sei entrato il giorno del tuo primo contratto
nn ti eri curato di osservare quella figura di reduce che usciva
dall altro ufficio
li conservano tutte le prove della tua colpevolezza
tutti i numeri di telefono da fare tutte le immagini da distribuire
tutti i sogni da distruggere
tutti i tuoi segreti

un saluto e un abbraccio
ciao

Marco

amico dei pomeriggi di sogno e potenza
di velocita e fatica

quell italia simbolicamente e morta insieme a te
tu sei stato l ultimo eroe
l ultimo stralcio di una storia millenaria
da domandarsi come sia stato ancora possibile

ora nn potresti riconoscerla
e’ un ammasso di orrore e menefreghismo
di demenza + idiozia
condita da cattiveria
che si chiama ignoranza
una nazione a brandelli
il si salvi chi puo
nn gridato dal capitano ma dai marinai
suona come un naufragio incustodito
progettato e sperato.